Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CI

Sonetto C Sonetto CII

[p. 111 modifica]

SONETTO CI.


IO canterei d’amor sì novamente,
     Ch’al duro fianco il dì mille sospiri
     Trarrei per forza, e mille alti desiri
     4Raccenderei nella gelata mente:
E ’l bel viso vedrei cangiar sovente,
     E bagnar gli occhi, e più pietosi giri
     Far; come suol chi de gli altrui martìri,
     8E del suo error, quando non val, si pente;
Et le rose vermiglie infra la neve
     Mover dall’ora; e discovrir l’avorio
     11Che fa di marmo chi da presso ’l guarda;
E tutto quel perchè nel viver breve
     Non rincresco a me stesso, anzi mi glorio
     14D’esser servato alla stagion più tarda.