Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/194


P A R T E. 111

SONETTO CI.


IO canterei d’amor sì novamente,
     Ch’al duro fianco il dì mille sospiri
     Trarrei per forza, e mille alti desiri
     4Raccenderei nella gelata mente:
E ’l bel viso vedrei cangiar sovente,
     E bagnar gli occhi, e più pietosi giri
     Far; come suol chi de gli altrui martìri,
     8E del suo error, quando non val, si pente;
Et le rose vermiglie infra la neve
     Mover dall’ora; e discovrir l’avorio
     11Che fa di marmo chi da presso ’l guarda;
E tutto quel perchè nel viver breve
     Non rincresco a me stesso, anzi mi glorio
     14D’esser servato alla stagion più tarda.


SONETTO CII.


S’amor non è; che dunque è quel ch’i’ sento?
     Ma s’egli è amor; per Dio, che cosa, e quale?
     Se buona; ond'è l’effetto aspro mortale?
     4Se ria; ond'è sì dolce ogni tormento?
S’a mia voglia ardo, ond'è ’l pianto e ’l lamento?
     S’a mal mio grado; il lamentar che vale?
     O viva morte, o dilettoso male,
     8Come puoi tanto in me, s’io nol consento?
E s’io ’l consento; a gran torto mi doglio.
     Fra sì contrarj venti in frale barca
     11Mi trovo in alto mar senza governo,
Sì lieve di saver, d’error sì carca,
     Ch’i’ medesmo non so quel ch’io mi voglio;
     14E tremo a mezza state, ardendo il verno.


SO-