Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto C

Canzone XXX Sonetto CI

[p. 110 modifica]

SONETTO C.


POi che ’l cammin m’è chiuso di mercede;
     Per desperata via son dilungato
     Dagli occhi ov’era (i’ non so per qual fato)
     4Riposto il guidardon d’ogni mia fede.
Pasco ’l cor di sospir, ch’altro non chiede;
     E di lagrime vivo, a pianger nato:
     Nè di ciò duolmi; perchè in tale stato
     8È dolce il pianto più, ch’altri non crede:
E solo ad una imagine m’attegno,
     Che fe’ non Zeusi, o Prassitèle, o Fidia,
     11Ma miglior mastro, e di più alto ingegno.
Qual Scitia m’assicura, o qual Numidia;
     S’ancor non sazia del mio esilio indegno,
     14Così nascosto mi ritrova Invidia?