Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCXVII

Sonetto CCXVI Sonetto CCXVIII

[p. 183 modifica]

SONETTO CCXVII.


LA sera desiar, odiar l’aurora
     Soglion questi tranquilli, e lieti amanti:
     A me doppia la sera e doglia, e pianti:
     4La mattina è per me più felice ora:
Che spesso in un momento apron’allora
     L’un Sole, e l’altro quasi duo Levanti,
     Di beltade, e di lume sì sembianti,
     8Ch’anco ’l ciel della terra s’innamora;
Come già fece allor ch’i primi rami
     Verdeggiar che nel cor radice m’hanno,
     11Per cui sempre altrui più che me stess’ami.
Così di me due contrarie ore fanno;
     E chi m’acqueta, è ben ragion ch’i’ brami;
     14E tema, e odj chi m’adduce affanno.