Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCXIX

Sonetto CCXVIII Sonetto CCXX

[p. 184 modifica]

SONETTO CCXIX.


IN quel bel viso ch’i’ sospiro, e bramo,
     Fermi eran gli occhi desiosi, e ’ntensi:
     Quand'Amor porse, quasi a dir Che pensi?
     4Quell'onorata man che secondo amo.
Il cor preso ivi, come pesce all’amo;
     Onde a ben far per vivo exempio viensi;
     Al ver non volse li occupati sensi:
     8O come novo augello al visco in ramo:
Ma la vista privata del suo obbietto,
     Quasi sognando, si facea far via;
     11Senza la qual’l suo ben'è imperfetto;
L’alma tra l’una, e l’altra gloria mia
     Qual celeste non so novo diletto,
     14E qual strania dolcezza si sentia.