Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCLXXXI

Sonetto CCLXXX Canzone XLII

[p. 225 modifica]

SONETTO CCLXXXI.


MAi non vedranno le mie luci asciutte
     Con le parti de l'animo tranquille
     Quelle note ov'Amor par che sfaville,
     4Et Pietà di sua man l'abbia construtte.
Spirto già invicto a le terrene lutte,
     Ch'or su dal ciel tanta dolcezza stille,
     Ch'a lo stil, onde Morte dipartille,
     8Le disvïate rime ài ricondutte:
Di mie tenere frondi altro lavoro
     Cerdea mostrarte; et qual fero pianeta
     11Ne 'nvidiò inseme, o mio nobil tesoro?
Chi 'nnanzi tempo mi t'asconde et vieta,
     Che col cor veggio, et co la lingua honoro,
     14E 'n te, dolce sospir, l'alma s'acqueta?