Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/308


P A R T E . 225

SONETTO CCLXXX.


É questo ’l nido in che la mia fenice
     Mise l’aurate et le purpuree penne,
     Che sotto le sue ali il mio cor tenne,
     4Et parole et sospiri ancho ne elice?
O del dolce mio mal prima radice,
     Ov’è il bel viso, onde quel lume venne
     Che vivo et lieto, ardendo mi mantenne?
     8Sol’ eri in terra; or se’ nel ciel felice.
Et m’ài lasciato qui misero et solo,
     Talchè pien di duol sempre al loco torno
     11Che per te consecrato honora et còlo;
Veggendo a’ colli oscura notte intorno
     Onde prendesti al ciel l’ultimo volo,
     14Et dove li occhi tuoi solean far giorno.



SONETTO CCLXXXI.


MAi non vedranno le mie luci asciutte
     Con le parti de l'animo tranquille
     Quelle note ov'Amor par che sfaville,
     4Et Pietà di sua man l'abbia construtte.
Spirto già invicto a le terrene lutte,
     Ch'or su dal ciel tanta dolcezza stille,
     Ch'a lo stil, onde Morte dipartille,
     8Le disvïate rime ài ricondutte:
Di mie tenere frondi altro lavoro
     Cerdea mostrarte; et qual fero pianeta
     11Ne 'nvidiò inseme, o mio nobil tesoro?
Chi 'nnanzi tempo mi t'asconde et vieta,
     Che col cor veggio, et co la lingua honoro,
     14E 'n te, dolce sospir, l'alma s'acqueta?