Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCCVII

Sonetto CCCVI Sonetto CCCVIII

[p. 248 modifica]

SONETTO CCCVII.


OGni giorno mi par più di mill’anni
     Ch’i’ segua la mia fida et cara duce,
     Che mi condusse al mondo, or mi conduce,
     4Per miglior via, a vita senza affanni:
Et non mi posson ritener li ’inganni
     Del mondo, ch’i’ ’l conosco; et tanta luce
     Dentro al mio core infin dal ciel traluce
     8Ch’i’ ’ncomincio a contar il tempo e i danni.
Nè minaccie temer debbo di morte,
     Che ’l Re sofferse con più grave pena,
     11Per farme a seguitar constante et forte;
Et or novellamente in ogni vena
     Intrò di lei che m’era data in sorte,
     14Et non turbò la sua fronte serena.