Apri il menu principale
1. Come incontrai il signor Falcone

../2. La leggenda delle caverne dei diamanti IncludiIntestazione 4 febbraio 2018 75% Da definire

2. La leggenda delle caverne dei diamanti

1.

COME INCONTRAI IL SIGNOR FALCONE


Alla mia età, scrivere la storia delle mie avventure — notate che conto ormai cinquantatrè anni — vi farà forse stupire e se devo dire il vero ha stupito un po' anche me, tanto più che ho maneggiato sempre il fucile per uccidere un gran numero di belve feroci e mai la penna.

Voi vi domanderete subito che specie di istoria sarà; abbiate un po' di pazienza e la vostra curiosità sarà soddisfatta.

Sappiate innanzi a tutto che io avevo cominciato a lavorare da giovane assai.

All'età in cui la maggior parte dei ragazzi frequentano ancora la scuola, io mi trovavo di già al capo di Buona Speranza, guadagnandomi la vita assai duramente, prima come minatore nei campo d'oro del Transvaal, poi come cacciatore d'animali feroci, conduttore di carovane, colono; e ci volle molto tempo ed un'avventura straordinaria per diventare ricco come sono ora.

Ignoro oggi stesso a quale cifra ammonti la mia fortuna; vi dirò solo che mi basta per vivere da gran signore, senza fastidi, ma delle fatiche mi è costata e molte. Infine sono contento e ringraziando Iddio, oggi posso riposare tranquillo senza più affrontare avventure pericolose.

Quello che io voglio raccontarvi è l'istoria prodigiosa, incredibile ma assolutamente vera, della mia fortuna.

Io la scrivo per distrarmi. Soffro una ferita fattami da un leone ad una gamba e che mi costringe ad una immobilità talvolta penosa. Aver ucciso sessantacinque di quei feroci animali e lasciarsi ferire dall'ultimo è grossa; eppure è così.

Un altro motivo che mi spinge a scrivere questa istoria è il desiderio di divertire un po' mio figlio Harry e di lasciare a lui un ricordo delle mie avventure.

Harry è studente di medicina a Londra e l'ospedale che è costretto a frequentare non deve certo distrarlo; spero quindi che leggerà con piacere un libro vergato da suo padre. Ed ora, senz'altro, comincio.

Ci tengo con un certo orgoglio a dirvi, innanzi a tutto, che io al capo di Buona Speranza mi ero creata una grande reputazione di valente cacciatore e di abilissima guida, conoscendo completamente tutti gli immensi territori che si estendono dalle coste del capo alla frontiera della repubblica del Transvaal e dalle terre dei bechuana fino alla foce dell'Orange.

Ciò premesso, ecco l'istoria.

Ai diciotto dell'agosto del 1876, tornando da una partita di caccia intrapresa al di là del Bamamgoato, io faceva casualmente l'incontro d'un genovese, il signor Falcone e del tenente Good, uno dei più amabili inglesi che io abbia conosciuto durante la mia vita.

Dopo essermi arrestato alcuni giorni alla città del capo, città che già avevo altre volte veduta, avevo preso imbarco sul Dunkeld per tornarmene a Durban, una importante città della colonia di Natal, e che avevo ormai scelto per mia dimora.

Avendo la nave che io montavo trasbordati i passeggieri della Città d'Edimburgo giunta allora dall'Inghilterra, fra le diverse persone che si recavano a Natal avevo rimarcato quei due signori, che a prima vista mi erano riusciti assai simpatici pei loro modi franchi e gentili.

Uno poteva avere trent'anni. Era un uomo robustissimo, di statura assai alta, con spalle larghissime, muscolatura gagliarda ed un petto da vero lottatore. I suoi capelli e la sua barba erano nerissimi, i suoi occhi grandi, intelligenti, di un azzurro cupo, e che davano alla sua fisonomia un aspetto attraentissimo.

L'altro, che gli teneva quasi sempre compagnia, era un biondo figlio d'Albione, un piccolo uomo dalla carnagione rosea, dagli occhi d'un grigio chiaro, dall'aria di buon ragazzo e che indovinai subito dover essere qualche ufficiale o capitano di marina. Le genti di mare hanno in se stessi qualcosa che li fa conoscere subito. Sono dei bravi uomini, migliori degli altri, più franchi, più leali, più risoluti, e che cuore posseggono!

L'immensità del mare ed il soffio possente dei venti, cacciano dalle loro anime tutto ciò che vi può essere d'impuro, e ne fanno degli uomini d'una onestà a tutta prova e d'una lealtà quasi sconosciuta negli altri, abituati a vivere sempre a terra.

Seppi poi che non mi era ingannato. Era veramente un tenente di vascello della marina mercantile inglese.

Era un po' più giovane del primo, e molto meno robusto, però del pari piacevole. Si mostrava sempre elegante, lindo e, cosa strana per un uomo di mare, portava, cacciato nell'orbita sinistra, un monocolo che mai abbandonava. Io credo che quella lente non se la togliesse nemmeno quando dormiva.

Un'altra sua particolarità era un'ammirabile dentatura che talvolta spariva, ma che a pranzo si rivedeva. Capii poi che quell'uomo aveva una dentiera di avorio non suo, ma bensì di un avorio appartenente a qualche povero ippopotamo.

Questi due passeggieri erano il genovese Falcone e Good. Vi dirò ora come feci la conoscenza di quei due bravi compagni, che ebbero tanta parte nelle prodigiose avventure che poi vi narrerò.

Essendosi, qualche giorno dopo la nostra partenza dal capo, alzato un vento fortissimo che produceva delle onde mostruose, il comandante aveva dato ordine che noi sgombrassimo la coperta e che ci ritirassimo nelle cabine, onde non impacciare la manovra dei marinai. Ora mentre io stavo osservando le macchine a funzionare, la nave subì una tale scossa, da farmi cadere innanzi.

Sarei senza dubbio caduto nella stanza delle caldaie, se un braccio vigoroso non mi avesse prontamente trattenuto.

Mi volsi e vidi il tenente di marina dal monocolo.

— Grazie signore — dissi.

— Badate a non perdere l'equilibrio — mi rispose egli, sorridendo. — Si capisce che voi non siete amico del rollio delle navi.

— Non sono un uomo di mare — dissi. — Non vengo al capo che assai di rado.

— Andate a Durban?

— Sì, signore.

— Conoscerete bene la colonia di Natal?

— L'ho percorsa tutta quanta e per venti anni.

— Ah! — esclamò il signor Good, guardandomi con particolare attenzione.

In quel momento la campana di bordo che ci chiamava a colazione, ruppe la nostra conversazione.

A tavola il tenente s'era collocato di fronte a me, mentre il suo amico genovese s'era posto accanto al capitano del Dunkeld.

Terminato il pasto, la conversazione si aggirò intorno alle grandi cacce. Si parlava di elefanti, di leoni, di antilopi e di ippopotami, animali che in quell'epoca erano ancora assai numerosi nell'Africa meridionale.

Il capitano del Dunkeld, che doveva essere un appassionato cacciatore, ci aveva fatto capire che appena giunto a Durban si sarebbe preso un congedo d'alcuni giorni, per recarsi a cacciare i grossi animali nell'interno della colonia di Natal.

Uno dei miei vicini di tavola, un olandese che mi conosceva benissimo, disse ad un tratto:

— Capitano, se volete fare delle buone cacce, prendete con voi il signor Allan Quatremain. È uno dei più famosi cacciatori della colonia.

Ciò dicendo indicava me.

— Sarei ben felice se mi potesse accompagnare — disse il capitano. — Il nome di Quatremain è conosciuto anche al capo. Verrete con me, signore?

— È probabile, capitano — risposi. — Quando si tratta di uccidere dei leoni e degli elefanti non mi rifiuto mai.

In quell'istante il signor Falcone, che da qualche po' mi osservava con un certo stupore, mi chiese a bruciapelo:

— Voi siete il signor Quatremain?

— Sì signore — risposi.

— Di Durban?

— Precisamente.

Il genovese non aggiunse altro, ma lo vidi accarezzarsi più volte la barba folta e scambiare degli sguardi col suo compagno, il tenente Good.

Quando il pasto fu terminato, il genovese mi si avvicinò, invitandomi a fumare la pipa nella sua cabina assieme a Good.

Lo seguii volentieri e dopo d'avermi offerto dell'eccellente tabacco e un bicchiere di whisky, mi disse:

— Signor Allan, vorrei chiedervi una cosa.

— Parlate, signore — risposi.

— Non vi trovavate due anni or sono a Bamamgoato, al nord del Transvaal?

— Sissignore — risposi, stupito da quella domanda.

— Voi trafficavate allora fra la costa e l'interno.

— Precisamente signore; io avevo condotto un carico di mercanzia affidatami da un olandese e mi ero fermato a Bamamgoato dove rimasi finché tutto fu venduto.

Il signor Falcone alzò su di me due occhi neri pieni d'una ansietà viva e strana.

— Ditemi, signor Quatremain — mi chiese, dopo alcuni istanti di silenzio. — Non avete incontrato, per caso, un uomo che si faceva chiamare Neville.

— Ma... scusate! Io ho conosciuto quell'uomo. Egli era rimasto accampato presso di me una quindicina di giorni, il tempo necessario per far riposare i suoi buoi.

— Dove andava?

— Aveva manifestato l'intenzione di emigrare nell'interno.

— Voi avete ricevuto una lettera, speditavi da un negoziante inglese del capo, è vero?

— Sì — risposi io. — In quella lettera mi si domandava se io sapevo cos'era avvenuto di quell'uomo che si chiamava Neville, e mi era affrettato a rispondere.

— Io ho la vostra risposta in mia mano.

Io guardai il genovese colla più viva sorpresa.

— Siete stato voi a farmi scrivere dal negoziante inglese?

— Sono stato io. Voi adunque avete saputo che Neville aveva lasciato Bamamgoato per recarsi nel paese dei matabeles, in compagnia di un cacciatore cafro chiamato Jim e di un voorlooper1.

— Ciò è rigorosamente esatto.

— Avete potuto sapere più nulla poi?

— Sì — risposi. — Da un mercante portoghese seppi che Neville aveva venduto i suoi carri, e che aveva proseguita la sua marcia a piedi, dopo essersi fermato qualche tempo a Inyati.

— Non potreste dirmi per quale motivo aveva intrapreso quel lungo viaggio? — mi chiese il tenente di marina.

— Lo ignoro, nulla avendomi detto in proposito il signor Neville. Era un uomo poco comunicativo, che sfuggiva la compagnia.

Il signor Falcone ed il suo amico si guardarono alcuni istanti senza parlare, poi il primo riprese:

— Signor Quatremain, io so che voi siete un uomo sicuro, onesto, discreto, posso quindi confidarmi completamente con voi.

I complimenti fanno sempre piacere, pure rimasi tanto imbarazzato, che dovetti bere un sorso di whisky per nascondere quel turbamento.

— A nessuno l'avrei forse confidato, ma a voi dirò chi è quel Neville.

— Io forse lo indovino, — risposi, — poiché più vi guardo più trovo delle rassomiglianze fra voi e quel Neville.

— È possibile che troviate sul mio volto delle somiglianze con quell'uomo, perché egli è mio fratello.

— Ah! — gridai. — L'avevo sospettato! Vorrei però sapere perché si faceva chiamare Neville invece di Falcone, e si spacciava per inglese anziché per italiano.

— Cosa volete? Era uno spirito bizzarro — disse il genovese, con un sospiro. — Ci eravamo assai amati o meglio io lo aveva immensamente amato, tollerando il suo carattere piuttosto eccentrico. Cinque anni or sono ebbimo fra noi una questione d'interesse ed egli, che era eccessivamente fiero ed impetuoso, si adirò talmente da abbandonare la vecchia casa paterna per non farvi più ritorno. Solo qualche anno fa seppi, da un capitano mio amico che veniva da Durban, che mio fratello si trovava nella colonia di Natal, in condizioni tutt'altro che floride, ed io qui sono venuto per ritrovarlo e ricondurlo in patria, dove possiede ancora qualche terra.

— Ma, — chiesi io, — era forse partito senza mezzi di fortuna?

— No, anzi con molti, ma deve averli consumati in viaggi e in cattive speculazioni.

— Infatti quando io lo trovai non possedeva che due carri e dodici paia di buoi e credo che tutta la sua ricchezza consistesse in ciò.

— Credete, signor Quatremain, che non si possa assolutamente sapere dove sia andato a finire il fratello del mio amico? — mi chiese Good.

Io invece di rispondere guardai il genovese e con un certo imbarazzo che non gli sfuggì.

— Signor Quatremain, — mi disse bruscamente, — voi avete qualche cosa da dirmi.

— È vero — risposi, dopo una breve esitazione. — Io so dov'è andato vostro fratello, ma posso io rivelare il segreto?

— Pensate che io sono venuto in Africa per cercarlo.

— Ebbene, vi dirò allora che egli è partito pel paese dei koukouana, onde cercare le famose caverne dei diamanti del portoghese Sylvestra. Sedete ed ascoltatemi.


Note

  1. Conduttore di buoi.