Apri il menu principale

La Cortigiana (1525)/Atto terzo/Scena ottava

Atto terzo
Scena ottava

../../Atto terzo/Scena settima ../../Atto terzo/Scena nona IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto terzo - Scena settima Atto terzo - Scena nona

Parabolano e Rosso.

Parabolano
È pur dolce cosa amare et essere amato!
Rosso
Dolce cosa è il mangiare e ’l bere.
Parabolano
Dolce sarà la mia Laura!
Rosso
Per chi la vuole! Io per me fo piú stima d’un boccale di greco che non faría d’Angela greca, e vorrei prima una pernice che Beatrice; e se per esser ghiotto se gissi in Paradiso, io sarei a quest’ora in capo di tavola.
Parabolano
Si tu assaggiassi l’ambrosia che stillano l’amorose bocche, ti parría altra dolcezza trovare che nel greco e ne le starne.
Rosso
N’ho gustato un migliaro e de Lorenzina, Madrama non vuole, e de l’altre favorite e non ci trovai mai altro altro che farfalloni che faríano stomacare un brigantino.
Parabolano
Tu simigli le grue a le pernice; abbia rispetto a le gentildonne.
Rosso
Perché, non pisciano come le villane?
Parabolano
È pazzia, la mia, a parlar teco.
Rosso
Pazzia è la mia a respondervi. E diteme un poco, padrone. Non è piú dolce che l’ambrogie che voi dite, quel mèle che sgocciola da le lingue che sanno dire bene e male? Qui te colgo!
Parabolano
Ah, ah, ah!
Rosso
Oh, quei sonettini di Maestro Pasquino mi amazzorno e meritaríano, disse el barbierario, ch’ogni matina se ne leggessi un fra la Pístola e ’l Vangelo; e al cul de mio... che faríano arrossire la vergogna!
Parabolano
Tu sei molto pratico con i poeti.
Rosso
Io fui servitore di messer Antonio Lelio, e so mille galanterie a mente.
Parabolano
Deh, ragioniamo d’Aloigia; andiam dentro.