Apri il menu principale

La Cortigiana (1525)/Atto secondo/Scena quarta

Atto secondo
Scena quarta

../../Atto secondo/Scena terza ../../Atto secondo/Scena quinta IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena terza Atto secondo - Scena quinta

Parabolano, solo.

Parabolano
Questo vivere è peggio che morte. Quando io era in minor grado, tutto il giorno il stimulo del salire mi molestava e ora che quasi mi potrei chiamare contento sono assalito da sí pessima febre che niuna medicina mi può sanare, salvo che una che non si compera per oro né per grandezza, perché Amor la vende di sua mano e per prezzo ne vuole sangue, lagrime e morte de’ suoi sugetti. Oh Amor, che non puoi tu fare! Molto è maggior la tua possanza che quella della fortuna: ella comanda a gli òmini, e tu gli òmini e gli Dei sforzi. Ella volubile e instabile... E con queste armi feminili e con questo dolermi non acquisterò io chi piú che la vita desío; e voglio ire in camera e forse ch’Amore m’insegnerà a sciormi come insegnò [a] legarmi. E potria ancora per me stesso di questi tormenti uscire per industria [di] petra, di ferro, laccio e veneno.