Apri il menu principale

La Cortigiana (1525)/Atto primo/Scena ventitreesima

Atto primo
Scena ventitreesima

../../Atto primo/Scena ventiduesima ../../Atto primo/Scena ventiquattresima IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto primo - Scena ventiduesima Atto primo - Scena ventiquattresima

Maestro Andrea, solo.

Maestro Andrea
Io ho voluto dare padrone a quel sanese e poi mi sono acconcio seco per pedante; questa è pur bella! Or dico io, che son dotto, diàngli pur dentro, acciò che agosto lo trovi bello e legato. Ma, quando accadessi, non solamente a lui, ma a mio padre l’accoccarei, e parmi un gran mercè a pagare i cavagli a un che voglia mandar e’ cervelli per le poste. E mi penso che non si possa fare la maggior limosina al mondo quanto fare impazzire uno, fosse che gli doni officio o beneficio, anzi non è sí tosto scappato il cervello, che subito el capo è rompito di signorie, di grandezze, di trionfi, di giardini ch’hanno i fiori a ogni luna come il rosmarino; e questi tali gongolano quando gli credi, gl’essalti e ogni loro detto gli confermi. E per Dio, ch’un simile non cambiaria il suo stato con quello che ha dato l’imperatore a Ceccotto. Ma io veggio el mio scolare pincolone fermo su la porta come un termine. A fe’, che come trovo il maestro de le cerimonie lo voglio far porre sul catalogo de’ pazzi, acciò che di lui si facci solenne commemorazione a laude e gloria de la reverenda e imperialissima Siena.