Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Io son sì vaga della mia bellezza Intestazione 4 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 290 modifica]

     Io son sì vaga della mia bellezza,
Che d’altro amor già mai
Non curerò ne credo aver vaghezza.
     Io veggio in quella, ogn’ora ch’io mi specchio,
5Quel ben che fa contento lo ’ntelletto;
Nè accidente nuovo o pensier vecchio
Mi può privar di sì caro diletto.
Qual altro dunque piacevole oggetto
Potrei veder già mai,
10Che mi mettesse in cor nuova vaghezza?
     Non fugge questo ben, qual’or disio
Di rimirarlo in mia consolazione;
Anzi si fa in contro al piacer mio
Tanto soave a sentir, che sermone
15Dir noi potrìa ne prendere intenzione
D’alcun mortal già mai,
Che non ardesse di cotal vaghezza.
     Et io, che ciascun’ora più m’accendo
Quanto più fiso tengo gli occhi in esso,
20Tutta mi dono a lui, tutta mi rendo,
Gustando già di ciò ch’el m’ha promesso;
E maggior gioia spero più da presso
Sì fatta, che già mai
Simil non si sentì qui di vaghezza.