Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Io son del terzo ciel cosa gentile Intestazione 2 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 280 modifica]

     Io son del terzo ciel cosa gentile,
Sì vago de’ begli occhi di costei
Che s’io fossi mortai me ne morrei.
4     E vo di fronda in fronda a mio diletto
Intorniando gli aurei suoi crini,
E me di me accendendo.
E ’n questa mia Fiammetta con effetto
8Mostro il poter de’ dardi miei divini.
Andando ogn’uom ferendo
Che lei negli occhi mira; ov’io discendo
Ciaschedun’ora ch’è piacer di lei.
12Vera regina degli regni miei.


(Dal libro V del Filocopo.)