Apri il menu principale
III. Come il Grande Cane donò a li due frategli la tavola de l’oro

../II ../IV IncludiIntestazione 18 dicembre 2018 75% Da definire

III. Come il Grande Cane donò a li due frategli la tavola de l’oro
II IV
[p. 7 modifica]

III (IX)

Come il Grande Cane donò a li due frategli la tavola de l’oro.

Quando lo Grande Cane ebbe isposta l’ambasciata a li due frategli e al barone suo, si li diede una tavola d’oro, ove si contenea che gli messagi, in tutte parti ove andassero, li fosse fatto ciò che loro bisognasse; e quando li messagi furo apparecchiati di ciò che bisognava, presero comiato e missersi in via. Quando furo cavalcati alquanti die, lo barone ch’era co’ gli frategli non pottè piú cavalcare, ch’era malato, e rimase a una cittá [ch’ha nome Alau]. Li due frategli lo lasciâro e missersi in via; e in tutte le parti ov’egli giugneano gli era fatto lo maggiore onore del mondo, per amore de la tavola: sí che gli due frategli giunsero a Laias. E si vi dico ch’egli penâro a cavalcare tre anni; e questo venne, che non poteano cavalcare per lo malo tempo e per li fiumi ch’erano grandi.