Il Canzoniere (Bandello)/Le Rime Estravaganti/XVII - Quando l'amata vista

Le Rime Estravaganti
XVII - Quando l'amata vista

../XVI - Piangi, viator, ch'ogni uom che passa, piange ../XVIII - Il foco che nel cor m'accese Amore IncludiIntestazione 5 maggio 2009 75% Poesie

Le Rime Estravaganti - XVI - Piangi, viator, ch'ogni uom che passa, piange Le Rime Estravaganti - XVIII - Il foco che nel cor m'accese Amore
[p. 312 modifica]

XVII.



In lode degli occhi della Mencia. Effetti del suo sguardo. È tra le rime edite dal Pèrcopo, l. cit.

Madrigale.


Quando l'amata vista
     Col vivo lume in gli occhi miei scintilla,
     Sì dolce ardor distilla,
     Che dal foco vigore il core acquista.1
5Ma come poi si volge
     E priva l’alma de l’altiero dono,
     Il viver abbandono,
     8Tant’è la pena, ch’ai mio cor s’avvolge!
Così mi tene in vita
     10Un volger d’occhi, con cortese sguardo,
     Così consumo ed ardo
     12Quando la chiara luce non m’aita!


  1. V. 3. Distilla, esprime.