Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Goethe Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Desolazione Alba
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 179 modifica]

XII

GOETHE

Nella corte d’un principe tedesco
voi siete visso al tosco e all’antimonio,
uomo esperto in papiri e ghiotto al desco,
e mordace e sottil, come il demonio.
Con parola e pensier del doppio conio,
una vecchia follia rimessa a fresco,
d’Eschilo in manto e in giubba di Petronio,
piaceste al serio mondo, e piú al burlesco.
Ed ora, a sé pensando e al tempo gaio,
la notturna canzon del suo do’ore
canta la bella Ghita a l’arcolaio.
Ah! sin che l’arte cosí pianga o rida,
vivranno eterni il sogno e il sognatore,
come il falco e il Terrigena su l’Ida.