Gioia né ben non é senza conforto

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Gioia né ben non é senza conforto Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 57 modifica]

VI

Ama la sua donna, della quale loda le virtù;
ma non ha coraggio di manifestarle il suo amore.

Gioia né ben non è senza conforto
né senza ralegranza,
né ralegranza sanza — fino amore:
rason è chi venir vòle a bon porto

[p. 58 modifica]

5de la sua desianza
che in amoranza — metta lo suo core;
che per lo flore — spera l’omo frutto
e per amor ciò ch’è disiderato.
Perché l’amore è dato
IO a gioia e a conforto senza inganno;
che, se patisse inganno, — fora strutto
lo ben d’amor, che tanto è conservato,
né fora disiato
s’avesse men di gioia che d’afanno.
15Tant’è la gioia, lo preso e la piacenza,
la ’ntendenza — e l’onore
e lo valore — e ’l fino ’nsegnaniento,
che nascon d’amorosa caunoscenza,
che differenza — amore
20no è prenditore — da vero compimento.
Ma fallimento — fora a conquistare
senza affanare — così gran dilettanza,
ca per la soverchianza
vive in erranza — quel che s’umilia.
25Chi gio’ non dia — non pò gioia aquistare,
né bene amare — chi non ha in sé amanza,
né compir la speranza
chi no lassa di quel che più disia.
Perché seria fallire a dismisura
30a la pintura — andare
chi pò mirare — la propria sustanza;
che di bel giorno vist’ho notte scura,
contra natura, — fare
e traportare — lo bene in malenanza.
35Unde bastanza — fora, donna mia,
se cortesia — mercede in voi trovasse,
che l ’afanno passasse
e ritornasse — in gioia e in piacere,
che troppo sofferére — mi contraria;
40com’om, ch’è ’n via — per gir, che dimorasse

[p. 59 modifica]

e ’nanti non andasse
né ritornasse — contra suo volere.
Volere agio e speranza d’avanzare
lo meo cominciamento
45per tal convento — ch’eo voi sia in piacere.
E ben volesse a reto ritornare,
contra lo meo talento,
né valimento — n’agio né podere.
Cosi mi fere — l’amor, che m’ha priso
50del vostro viso — gente e amoroso,
per cui vivo gioioso,
e disioso — si ch’eo moro amando!
E ciò ch’eo dico nullo dir m’è aviso,
si m’ha conquiso — e fatto pauroso
55l’amore, ch’agio ascoso,
più ch’eo non oso — dire a voi, parlando.