Galatea (Prati)

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Galatea (Prati) Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Volo di corvi Dolor della mente
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 231 modifica]

CXI

GALATEA

Pigmalion, nello abbracciarti in pietra,
spirar ti fece, e, Galatea, tu vivi;
e te le verdi selve, e i glauchi rivi,
e il purpureo nettuno, e il candid’etra,
e te chiaman del pari Ida e Libctra,
e le vergini flore, e i fauni divi,
e il romano pomerio, e i templi argivi,
e il grande Olimpo, e di Marón la cetra.
Augelletto non canta in questi rami,
non mormora ruscel sotto quest’erba,
che te, te sempre, Galatea, non chiami.
Bella, nuda, fuggiasca, il piè stillante,
e fra i turbati salici superba
forse dei baci d’un divino amante.