Apri il menu principale

E qual sul Tebro pellegrina e rada

Giambattista Felice Zappi

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 20 ottobre 2019 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 13 modifica]

XXVII.


E qual sul Tebro pellegrina e rada
     Bellezza splende, che tutt’altre lassa
     Bellezze addietro, onde chi a lei se ’n vada,
     Qual chi va incontro al Sol, il ciglio abbassa?
5Vedi l’aura, che scherza, e le dirada
     De’ capei sparsi la biond’aurea massa;
     E lei, qual’astro, che per notte cada,
     Segnar le vie di luce, ovunque passa?
Cintia direi, che fosse, o Citerea:
     10Ma quella, e questa, e cento Dei superni
     Son fole che sognò la gente Achea.
Dubbiando io vò, se forse in uman velo
     Qualch’Angelo a noi scese: Angeli eterni
     Siete voi tutti, oppur non tutti in Cielo?