Due corse

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Due corse Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Poesia Casa mia
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 181 modifica]

XV

DUE CORSE

Scalpita il suol, Tignando, e Paure fiuta
sauro eh‘è nato di superbo seme;
e, quando appena il cavalier lo preme,
tuono e lampo diventa il piè che muta.
Vola col vento, e vanno allegri insieme;
e l’aquila, su pietra erma seduta,
gentilmente li guarda e li saluta,
e sotto l’ala bruna il cor le freme.
Cosí accade, quand’io senza piú tregue,
premo le groppe a l’apollinea fèra,
e lo stuol degli alati inni mi segue.
Sta romita da parte, e un cenno parco
mi fa del capo la Camena austera;
ma le tripudia il cor mentre ch’io varco.