Apri il menu principale
Matteo Frescobaldi

XIV secolo D Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Donne leggiadre e giovani donzelle Intestazione 25 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Matteo Frescobaldi


[p. 215 modifica]

     Donne leggiadre e giovani donzelle,
Deh!, per lo vostro onore,
Per me pregate a cui son servidore.
     Egli è una tra voi
5Con sì vaga bellezza
Che face amante ciascun che la mira;
Perchè dagli occhi suoi
Si move una chiarezza
Che dà conforto a chi per lei sospira;
10E quando i suoi begli occhi in vêr me gira.
Sento lo gran valore
Che per grazia mi fa sentire Amore.
     Nel suo vago cospetto
Verace Amor dimora.
15Lo quale è pien di grazie e di merzede;
Ond’ha gioie e diletto
Ciaschedun che l’onora,
Perch’altro dal suo viso non procede.

[p. 216 modifica]

Oneste e vaghe, questa con voi siede,
20Da cui sento tutt’ore
La chiara luce del suo isplendore.
     Se questa mia preghiera
Da voi sarà accettata.
D’ogni salute averà el mio cor manto;
25Che l’anima ne spera
Per lei esser beata:
Ond’io vi mando questo nuovo canto;
E se le degna d’ascoltare alquanto.
Dice che lo mio core
30Sarà sempre lontan d’ogni dolore.