Apri il menu principale

Donna real che d'Imeneo la legge

Faustina Maratti

1833 D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 5 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 45 modifica]

XXVII1


Donna real che d’Imeneo la legge
     Soave senti e suo poter sovrano,
     Vien meco, e ascolta ciò che non in vano
     Dentro i fati mia mente or vede e legge.
5Un de’ tuoi figli il Popolo corregge
     Nuovo Catone e Dittator romano:
     Guida l’altro nel mar con pronta mano
     Di Pier la nave, e la governa e regge.
Altri premendo a tergo le nemiche
     10Schiere,fa che ne morda in vano il freno
     Il duro Scita, e il fero Trace indegno.
E a tal virtute le romane antiche
     Opre già rese son famose meno:
     Cesari e Fabi non l’abbiate a sdegno.

Note

  1. Per le Nozze degli Eccel. Signori D. Marc’Antonio Conti, e D. Faustina Mattei.