Dialoghi degli Dei/17

17. Apollo e Mercurio

../16 ../18 IncludiIntestazione 19 settembre 2008 75% letteratura

Luciano di Samosata - Dialoghi degli Dei (Antichità)
Traduzione dal greco di Luigi Settembrini (1862)
17. Apollo e Mercurio
16 18
Apollo.
Perchè ridi, o Mercurio?
Mercurio.
Perchè ho veduto cosa veramente da far ridere, o Apollo.
Apollo.
Dimmela, e farai ridere anche me.
Mercurio.
Venere è stata còlta con Marte, e Vulcano li tiene tutti e due legati.
Apollo.
Come? oh, questa è piacevole.
Mercurio.
Da molto tempo ei sapeva ogni cosa, e li spiava: ed avendo messa intorno al letto una rete invisibile, vassene a lavorar nella fucina. Ed ecco Marte entra di soppiatto, com’ei credeva; ma il Sole lo vede, e ne avvisa Vulcano. Poi che salgono sul letto, e sono nel più bello del giuoco; scocca la rete, e si trovano ravviluppati nelle catene, e tosto giunge Vulcano. Ella era nuda, e non aveva come nascondersi per la vergogna. Marte da prima tentò di fuggire, e sperò di spezzar quei legami: ma accortosi di non avere altro scampo, si volse alle preghiere.
Apollo.
Infine li ha sciolti Vulcano?
Mercurio.
Niente affatto, ma ha chiamati tutti gli Dei, e ce li ha mostrati in quell’atto dell’adulterio. Entrambi nudi, raccoccolati, legati, non ardivan levare il viso: io aveva tanto diletto a riguardare, quant’essi n’avevano avuto nel fare.
Apollo.
E il fabbro non arrossiva di mostrar la sua vergogna?
Mercurio.
Altro! ei stava presente, e li beffava. Io, se debbo dirti il vero, invidiavo a Marte, che non pure si era sollazzato con una Dea tanto bellissima, ma stava legato con lei.
Apollo.
E avresti sofferto d’esser legato anche così?
Mercurio.
E tu no, tu, o Apollo? Vieni a vedere, t’avrò in gran concetto se a tal vista non ti verrà la stessa voglia.