Canti (Aleardi)/Poesie volanti/Sull'albo della Contessa Laura R.

Poesie volanti

Sull'albo della Contessa Laura R.

../L'aurora boreale ../Evelina Yates IncludiIntestazione 2 giugno 2008 50% Poesie

Poesie volanti

Sull'albo della Contessa Laura R.
Poesie volanti - L'aurora boreale Poesie volanti - Evelina Yates

 
Laura, al tuo nome eresse un monumento
Il più gentil degl’Itali cantori;
Ma per la via di que’ sottili amori
Smarrîr talor le grazie il sentimento.

Egli era nato in una primavera
Di civiltà: cuori e canzoni allora
Eran freschi, eran lieti: in quell’aurora
Non presentiano il mesto de la sera.

L’età pensosa, che successe, impose
Un nuovo accento di tristezza al canto,
Perchè avesse a ritrar non so qual pianto,
Che dall’anime stilla e da le cose.

Se il trovator de la crudel francese
Dalla tomba d’Arquà risuscitasse
E la cetra a novelli inni temprasse
Per dir tue lodi, vergine cortese,

Pago or non fora a minïar concetti
Sugli occhi o il crin: ma scenderia profondo
Dentro al tuo cor, per rivelar quel mondo,
Ch’ivi tu serbi di potenti affetti.