Apri il menu principale

Canti (Aleardi)/Poesie volanti/Le donne venete

Poesie volanti

Le donne venete che inviano per la emigrazione uno stipo di vezzi

../Sehensucht ../Alle donne milanesi IncludiIntestazione 2 giugno 2008 50% Poesie

Poesie volanti

Le donne venete che inviano per la emigrazione uno stipo di vezzi
Poesie volanti - Sehensucht Poesie volanti - Alle donne milanesi

 
Barca che passi vigile e furtiva
L’onda fatal del fiume di Virgilio,
Recaci questi vezzi all’altra riva,
Riva gioconda, e pur riva d’esilio.

Colà ci parve udir come un lamento
Di nota voce languida per fame,
Che vereconda dimandasse a stento
La carità d’un obolo di rame;

E noi venimmo rapide col pondo
Lieve di questa piccioletta offerta;
Poi che ci pose a la miseria in fondo
La bieca Signoria che ne diserta.

Giacchè il nipote d’Attila che impera
Legislator d’assidue rapine,
Presago che il suo regno è giunto a sera,
L’ultima gemma ne torría dal crine.

A noi meschine in questi dì supremi
Fra la speme e lo spasimo ondeggianti
Non si confanno anelli o dïademi,
Perle non si confanno o dïamanti:

Abbiam catene in cambio di smaniglie,
La fune al collo in cambio di monili;
Le nostre fronti gocciano vermiglie
Sotto un serto di rie spine servili.

Ma ormai già spunta un fior di libertade
Dai nostri serti d’alemanne spine;
Ma coi ceppi si temperano spade
Nel misterio di venete fucine:

E se avverrà che una funèbre sera
Suoni i secondi Vesperi, siccome
Fecer le donne di Messina arciera,
Noi pur, se giova, taglierem le chiome;

E con le trecce dei capelli neri
Tenderem corde da avventar saette,
Da avventarle nel cor degli stranieri,
Bersaglio eterno all’itale vendette...

Vela la nebbia de le stelle il lume;
Va’, barcaiolo, e ti compensi Iddio:
Varca furtivo di Virgilio il fiume;
Va’, generoso barcaiolo; addio.


Brescia, 2 febbraio 1860.