Canti (Aleardi)/Poesie volanti/Evelina Yates

Poesie volanti

Evelina Yates

../Sull'albo della Contessa Laura R. ../Fanciulla, che cosa è Dio? IncludiIntestazione 2 giugno 2008 50% Poesie

Poesie volanti - Sull'albo della Contessa Laura R. Poesie volanti - Fanciulla, che cosa è Dio?
ALLA COLTA SIGNORINA INGLESE
EVELINA YATES
ORA MARITATA IN WYHE, CHE SI RECAVA A VENEZIA.


 
Vedrai Venezia, l’inclita infelice
Di pescatrice
Fatta regina
Ed or rovina;
Che da fanciullo amai come una tenera
Ava gentil, perchè amo i vecchi, i muti
Lochi deserti e i Grandi decaduti.

Pietosa larva di città superba
Ella ancor serba
Le molli sere,
Le chiese austere,
Le cadenti sue reggie e le sue gondole,
Che sotto il panno funerale e fido
Celan sovente d’un amore il nido.

Tu saluta per me, nobile Evelia,
Quell’egra Ofelia,
Che fu al gigante
Oceano amante,
E ne la pompa de le nozze mistiche
Assisa sulla prua del Bucintoro
Lo disposava coll’anello d’oro.

Poi colma d’anni, inoperosa e molle
Diventò folle:
Fûr suoi diletti
Diurni letti,
Cene, teatri e provocanti maschere;
E ricinta d’elleboro e di malva
L’ebete fronte profumata e calva

Corse ballando la silente riva
Di navi priva,
Le avite glorie
E le memorie
Gittando in mar, come la Vergin Nordica,
Scompigliata le viscere amorose,
Iva gittando le raccolte rose.

Ma un dì fatal sul lubrico sentiero
Scontrò un Guerriero:
Quel glorïoso,
Mentito sposo,
La soffocò nel primo amplesso. Un ululo
Rassomigliante ad un immenso pianto
Mise il Leone e le spirò d’accanto.

E pur tra quelle lontananze brune
Delle lagune
Pare esca fuora
Novella aurora.
Oh! poi che volgi a quelle sponde, Evelia,
Di’ se scorgi tu pur quel lieve albore,
Che la speranza mi raccende in core.


Firenze, li 27 giugno 1871.