Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Accorri accorri accorri, uom, a la strada Or non è gran pistolenza la mia
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 64 modifica]

II

Prega la donna d’essergli affabile e cortese.

Avvegna ched i’ paghi ’l tu’ mirare
piú, che s’io fossi del mondo signore,
che tu mi fai, amor, per tuo onore?
4si mi pur vuoi di te assicurare?
Se ti piace di volermi parlare,
io te ne prego da parte d’Amore;
e non guardar per ch’i’sia tuo minore,
8ché, quanto l’uomo è di maggior affare,
si è tenuto d’aver, per ragione,
in sé umilitate e cortesia:
11se ciò non fa, si gli è gran riprensione.
Non per ch’io creda che ’n te villania
possa capére: in questa oppenione,
14i’ son tuo, e serò in di di vita mia.