Accorri accorri accorri, uom, a la strada

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Accorri accorri accorri, uom, a la strada Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Avvegna ched i' paghi 'l tu' mirare
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 63 modifica]

I

È derubato dalla sua donna e per di piú ingiuriato dagli altri e da lei.

— Accorri accorri accorri, uom, a la strada!
— Che ha’, fi’ de la putta? — I’ son rubato.
— Chi t’ha rubato? — Una, che par che rada
4come rasoi’, si m’ha netto lasciato.
— Or come non le davi de la spada?
— I’ dare’ anzi a me. — Or se’ ’mpazzato?
— Non so’; che’l dá? — Cosí mi par che vada:
8or t’avess’ella cieco, sciagurato! —
— E vedi che ne pare a que’, che ’l sanno?
— Di quel, che tu mi rubi. — Or va’ con Dio!
11— Ma anda pian, ch’i’ vo’ pianger Io danno
— Che ti diparti? — Con animo rio.
— Tu abbi ’l danno con tutto ’l malanno!
14— Or chi m’ha morto? — E che diavol sacc’io? —