Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo A Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Apizio legge nelle nostre scole Intestazione 8 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 322 modifica]

     Apizio legge nelle nostre scole
E ’l re Sardanapalo, e lor dottrina
Di gran lunga è preposta alla divina
4Dagli ozi disonesti e dalle gole.
     Nè verità in fatti et in parole
Oggi si trova; e ciaschedun inchina
All’avarizia siccome a reina,
8La quale in tutto può ciò che la vuole.
     Onestà s’è partita e cortesìa,
Et ogni altra virtù è al ciel tornata,
11Et insieme con esse leggiadrìa
     Dalle villane menti discacciata.
Ma quanto questo per durar si sia
14Iddio se ’l sa ch’ad ogni cosa guata.