Apri il menu principale

Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750/80

Anno 80

../79 ../81 IncludiIntestazione 25% Da definire

79 81


[p. 319 modifica]

Anno di Cristo LXXX. Indizione XIII.
Cleto papa 4.
Tito Flavio imperadore 2.


Consoli


Tito Flavio Augusto per l’ottava volta, e Domiziano Cesare per la settima.


Con tutte le belle e plausibili prerogative, colle quali Tito arrivò al trono imperiale, non si vuol dissimulare ciò che scrive di lui Svetonio1, cioè aver egli somministrata occasione a molti del popolo romano di credere ch’egli nel governo avesse da riuscire un cattivo principe, anzi un altro Nerone. Si perdeva egli talvolta nelle gozzoviglie coi suoi amici dal buon tempo, stando a tavola sino a mezza notte: dal che si guardavano allora i saggi Romani. Recava loro pena il parere, ch’egli fosse immerso nella libidine anche più abbominevole, stante le qualità delle persone della sua corte, e l’esser egli stato sì sconciamente invaghito della regina Berenice. Temevasi inoltre di trovare in lui un principe, a cui più del dovere piacesse la roba altrui, sapendosi che prendeva regali anche nell’amministrazion della giustizia. Ma dopo la morte del padre cessarono tutti questi sospetti. Tito con istupore e piacer d’ognuno comparve tutt’altro, scoprendosi esente [p. 321 modifica]da ogni vizio, e solamente fornito di eccellenti virtù, di maniera che si convertirono in lode sua tutt’i conceputi timori di lui. Licenziò tosto dalla sua corte qualunque persona che dar potesse scandalo, ed elesse amici di gran senno e proprietà, tali che anche i susseguenti principi se ne servirono, come di strumenti utili o necessari al buon governo. Tornò a Roma la regina Berenice, figurandosi, che potendo ora Tito far tutto, molto anch’ella potrebbe sopra di lui. Se ne sbrigò egli e rimandolla alle sue contrade. I conviti, ai quali invitava or l’uno or l’altro de’ senatori e de’ nobili, erano allegri, ma senza profusione od eccesso. Più non si osservò in lui ruggine d’avarizia; mai non tolse ad alcuno il suo e neppur ammetteva i regali soliti a darsi dalle provincie, città ed università agli Augusti. Eppur niuno d’essi imperadori gli andò innanzi nella munificenza e magnificenza. Imperciocchè in quest’anno egli dedicò l’anfiteatro2, appellato oggi il Colosseo, stupenda mole, incominciata, per quanto si crede, da Vespasiano suo padre, e da lui perfezionata. Nulla più fa intendere qual fosse la potenza e splendidezza degli antichi Augusti, quanto i pezzi che restano tuttavia di quel superbo edifizio. Fabbricò eziandio le Terme, o sia i bagni pubblici, presso al medesimo anfiteatro, le cui vestigia pur ora si mirano circa la chiesa di san Pietro in Vincula, per attestato del Nardino, del Donato e d’altri. Ed allorchè si fece la dedicazion di tali fabbriche, cioè quando si misero all’uso pubblico, Tito solennizzò la funzione con maravigliosi e magnifici spettacoli, descritti da Dione3. Si fecero combattimenti navali, giuochi di gladiatori, caccie di fiere, cinquemila delle quali furono uccise nell’anfiteatro in un sol dì, e quattro altre migliaia ne’ susseguenti giorni. Nè vi mancarono i giuochi circensi, e una gran profusione di doni al [p. 322]popolo. Durarono cento dì così allegre e dispendiose feste.

L’incendio del Vesuvio, di sopra da me accennato, che fu de’ più terribili che mai si sieno provati, avea portata la rovina o notabili danni alle città e terre della Campania. Tito inviò colà due senatori, già stati consoli con buone somme di danaro, acciocchè si rimettessero in piedi le fabbriche. Per tali spese assegnò ancora i beni di tutti coloro che erano morti senza eredi, benchè, secondo le leggi, que’ beni appartenessero al suo fisco. Ed egli stesso colà si portò, non tanto per mirar la desolazion de’ luoghi, quanto per affrettarne il sollievo. Ma a questa disgrazia ne tenne dietro un’altra non meno spaventosa e lagrimevole. Attaccatosi il fuoco in Roma, vi consumò il Campidoglio, il tempio di Giove Capitolino, il Pantheon, i templi di Serapide e d’Iside, siccome quel di Nettuno ed altri; il teatro di Balbo e di Pompeo, il palazzo d’Augusto colla biblioteca, e molti altri pubblici edifizii. Sì ampia fu la strage delle fabbriche, che fu creduto quell’incendio non operazion degli uomini, ma gastigo mandato da Dio. Se ne afflisse sommamente Tito, protestando nondimeno, che a lui come principe apparteneva il risarcimento di tante fabbriche del pubblico. In fatti a questo fine alienò tutt’i più preziosi mobili de’ suoi palazzi; e quantunque molti particolari, e varie città, e alcuni dei re sudditi, gli offrissero o promettessero di molto danaro per quel bisogno, non volle che alcuno si scomodasse, riserbando tutte quelle spese alla propria borsa. Dopo sì fiero incendio succedette in Roma una atrocissima peste, di cui parlano Svetonio e Dione, e che, secondo4 Aurelio Vittore, fu delle più micidiali che mai si provassero in quella città, e se ne diede la colpa alle esalazioni del Vesuvio. Dubito io, questa essere la medesima, che di sopra all’anno 77 fu riferita da Eusebio, e però collocata fuor di sito, cioè [p. 323 modifica]sotto l’imperio di Vespasiano. La fece Tito da padre in sì funeste circostanze, consolando il popolo con frequenti editti, ed aiutandolo in quante maniere gli fu mai possibile. Certo inesplicabile fu l’amore ch’egli portava ad ognuno, e la bontà sua e la premura di far del bene a tutti. Era lecito ad ognuno l’andare all’udienza sua, ed ognuno ne riportava o consolazione o speranza. E perchè i suoi dimestici non approvavano ch’egli promettesse sempre perchè non sempre poi poteva mantener la parola: rispondeva, non doversi permettere che alcuno mai si parta malcontento dall’udienza del principe suo. Tanta era in somma l’inclinazione sua a far dei benefizii, che sovvenendogli una notte, mentre cenava, di non averne fatto veruno in quel dì, sospirando disse quelle sì celebri e decantate parole5: Amici io ho perduta questa giornata. Giunse a tanto questa benignità e amorevolezza, che nel poco tempo ch’egli regnò, a niuno per impulso o per ordine suo tolta fu la vita.

Diceva di amar piuttosto di perir egli, che di far perire altrui. In effetto, ancorchè si venisse a sapere che due de’ principali romani faceano brighe e congiure per arrivar all’imperio, e ne fossero essi anche convinti, pure non altro egli fece, se non esortarli a desistere, dicendo che il principato vien da Dio, nè si acquista colle scelleraggini; e che se desideravano qualche bene da lui, prometteva di farlo6. Dopo di che, per timore che la madre d’uno di questi senatori si trovasse in grandi affanni, le spedì dei corrieri, acciocchè l’assicurassero che suo figliuolo era salvo. Inoltre la notte stessa tenne seco a cena questi due personaggi, e nel dì seguente li volle [p. 324]allo spettacolo de’ gladiatori a’ suoi fianchi. Allora fu che portate a lui le spade di que’ combattenti, com’era il costume, le diede in mano ad amendue, acciocchè osservassero s’erano taglienti, per far loro tacitamente conoscere, che più non dubitava della loro fedeltà. Ma ciò che sopra ogni altra cosa gli conciliò l’amore d’ognuno, fu l’aver egli levato via l’insoffribile abuso introdotto sotto i precedenti cattivi imperadori; cioè che a qualsivoglia persona era permesso l’accusare altrui d’avere sparlato del principe, o d’avergli mancato di rispetto: il che era delitto di lesa maestà. Una licenza sì fatta teneva tutti sempre in una apprensione e schiavitù incredibile. Tito ordinò ai magistrati, che non ammettessero più sì fatte accuse, ed egli stesso perseguitò vivamente la mala razza di cotali accusatori, facendoli battere o mettere in ischiavitù, o pure esiliandoli. Soleva perciò dire: Non credo che mi si possa fare ingiuria, perchè non opero cosa, di cui con giustizia io possa essere biasimato. Che se pur taluno ingiustamente mi biasima, egli fa ingiuria più a sè, che a me: ed io in vece d’adirarmi contro di lui, ho d’aver compassione della sua cecità. E se talun dice male dei miei predecessori con ingiustizia, quando sia vero che questi abbiano il potere che loro s’attribuisce nell’averli deificati, sapran ben essi vendicarsene senza di me. Fece parimenti questo buon principe circa questi tempi selciar di nuovo la via Flaminia, che da Roma conduceva a Rimini. Ed Agricola7 continuando la guerra in Bretagna, stese i confini romani sin verso la Scozia, fondando ivi castelli e fortezze, per mettervi delle guarnigioni.

  1. Sueton., in Tacito, cap. 7.
  2. Sueton., in Tacit., cap. 8.
  3. Dio., lib. 66.
  4. Aurelius Victor., in Breviar.
  5. Sueton., Dio., Eutropius, Eusebius.
  6. Suetonius, in Tito, cap. 9. Dio., lib. 66.
  7. Tacitus, in Vita Agricolae, c. 22.