Apri il menu principale
Anno 34

../33 ../35 IncludiIntestazione 19 dicembre 2010 25% Da definire

33 35


[p. 99 modifica]

Anno di Cristo XXXIV. Indizione VII.
Pietro Apostolo papa 6
Tiberio imperadore 21.


Consoli


Paolo Fabio Persico e Lucio Vitellio


A questi consoli ordinari si crede che ne succedessero nelle calende di luglio due altri1, de’ quali si è perduto il nome. E ciò perchè avendo questi ultimi consoli celebrato l’anno ventesimo compiuto dell’imperio di Tiberio, fecero anche dei voti agli dii pel decennio venturo, come fu in uso a’ tempi d’Augusto. Quella gelosa bestia di Tiberio, che avea preso l’imperio non per dieci, nè per venti anni, ma finchè a lui piacesse, parendogli che volessero far conoscere, che la di lui potestà dipendea dall’arbitrio del senato, fece accusarli tutti e due e condannarli, e pare che fosse anche abbreviata immediatamente loro la vita. Questo Persico probabilmente è quello stesso che fu mentovato da Seneca2, per uomo di cattiva riputazione. Ma nulla di un fatto tale, che avrebbe fatto più strepito di tant’altri, si ha presso Tacito, il qual pure accenna le morti di molti altri di dignità inferiore. Dione stesso attribuisce quei voti e quell’innocente fallo ai consoli ordinari; e pure noi sappiam da Svetonio3, che Lucio Vitellio, console nel presente anno e padre di Aulo Vitellio che fu poi imperadore, dopo il consolato ebbe il governo della Soria, e campò molto dappoi. Parimente di Fabio Persico, sopravvissuto, s’ha memoria presso [p. 101 modifica]Seneca4. Però la credenza dei consoli sostituiti, e fors’anche il fatto narrato da Dione può patire dei dubbi. Non mancarono all’anno presente le sue funeste scene, cioè molte condanne e morti d’uomini illustri, avvenute per la crudeltà di Tiberio e per la prepotenza di Macrone prefetto del pretorio; il quale imitando le arti di Sejano ma più copertamente, si abusava anch’egli della sua autorità e del favore del principe5. Pomponio Labeone, dopo essere stato pretore di Mesia per otto anni, accusato d’essersi lasciato corrompere con danari, tagliatosi le vene, si sbrigò da questa vita: ed altrettanto fece sua moglie. Era anche stato in governo Marco, ossia Mamerco Emilio Scauro, nè già era incolpato di cattiva ammistrazione, quantunque vergognosi fossero i suoi costumi, Macrone, che l’odiava, trovò la maniera di precipitarlo, con presentare a Tiberio una di lui tragedia intitolata Atreo, in cui oltre al parlarsi di parricidio, uno era esortato a tollerar la pazzia del regnante; e con fargli credere che sotto nome altrui si sparlasse di lui. Di più non ci volle per far processare Scauro, il quale, senz’aspettar la condanna, si privò da sè stesso di vita, nè da meno di lui volle essere la moglie sua. Costumavasi allora dagli etnici romani di darsi iniquamente la morte da sè medesimi, perchè i corpi de’ condannati non era lecito il seppellirli, e i lor beni andavano al fisco; laddove prevenendo la sentenza, loro non si negava la sepoltura: e sussistendo i testamenti, agli eredi pervenivano i loro beni. Fra coloro eziandio che furono accusati si contò Lentulo Getulico, stato già console nell’anno di Cristo 26. Altro a lui non veniva imputato, se non che avesse trattato di dare una sua figliuola in moglie a Sejano. Ma fu buon per questo personaggio ch’egli allora si trovasse in Germania al comando di [p. 102]quelle legioni che l’amavano forte per le sue dolci maniere. Dicono ch’egli scrivesse animosamente una lettera a Tiberio, con ricordargli che non per elezione propria, ma per consiglio di lui stesso, avea cercato di far parentela con Sejano. Essersi ben egli ingannato nel procacciarsi l’amicizia di quell’uomo indegno; ma che niuno più d’esso Tiberio avea amato Sejano: nè essere perciò conforme alla ragione che il comun fallo fosse innocente per lui, e peccaminoso per gli altri. Pertanto riflettendo al pericolo di nuocere a chi aveva l’armi in mano, e poter rivoltarsi, giudicò meglio il desistere dall’impresa; e per lo contrario fece condannar e cacciare in esilio Abudio Rufo, cioè l’accusatore di Lentulo Getulico. Videsi in questo anno in Grecia un giovane6, che spacciatosi per Druso figliuolo di Germanico, trovò di molti aderenti in quelle contrade; e se gli riusciva di passare in Soria, a lui si sarebbe verisimilmente unito quell’esercito. Ma preso da Pompeo Sabino governator della Macedonia, fu inviato a Tiberio. Tacito scrive7 ciò avvenuto tre anni prima, quando era tuttavia vivente lo stesso Druso in prigione: il che, se fosse vero, potrebbe questo avvenimento aver dato impulso alla morte del medesimo Druso. Da esso Tacito fu ancora scritto che nel presente anno si lasciò veder di nuovo dopo alcuni secoli l’augello Fenice nell’Egitto, con rapportarne la mirabil genealogia. A simili favole oggidì non si presta fede. Plinio e Dione mettono due anni dappoi lo scoprimento di questo non mai più risorto uccello.


Note

  1. Dio., lib. 58.
  2. Seneca, de benefic., lib. 2, cap. 21.
  3. Sueton. in Vitellio, c. 2.
  4. Seneca, lib. 2 et 4 de Benefic.
  5. Dio, lib. 58. Tacit., lib. 4, cap. 19.
  6. Dio., lib. 58.
  7. Tacit., lib. 5, c. 10.