Apri il menu principale
Antonio Pucci

XIV secolo A Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Andrea, tu mi vendesti per pollastra Intestazione 15 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Antonio Pucci


[p. 350 modifica]

     Andrea, tu mi vendesti per pollastra
Sabato sera una vecchia gallina,
Ch’era degli anni più d’una trentina
4Stata dell’altre comatrice e mastra.
     E’ non fu mai affamato il Calastra,
Ch’egli mangiato avesse tal cucina;
Però ch’ella parìa carne canina
8E quell’omore in se chè ha una lastra.
     Volevasi mandare alla fornace
E tanto far bollire ogni stagione
11Che ammorbidasse sua carne tenace.
     Ma primamente il tegolo e ’l mattone
O calcina sarìa stata verace,
14Che quella mossa avesse condizione.
                         Mangia’ne alcun boccone
Per fame, e misi a ripentaglio i denti.
17Però fa’ tu che d’altro mi contenti.