Amor m'auzide- Perché?-Per ch'io amo

Iacopo da Leona

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Amor m'auzide— Perché?—Per ch'io amo Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Segnori, udite strano malificio Contessa è tanto bella e saggia e cónta
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta II. Ser Iacopo da Leona
[p. 32 modifica]

II

Confidenze d’amore fatte ad un amico.

— Amor m’auzide. — Perché? — Per ch’io amo.
— Cui? — La bella. — E non è ella saggia?
— Si è. — Bene fai dunque. — Altro non bramo.
4— Se non che? — Se non lei. — Fa’ si che l’uggia.
— Como? — Servi. — Eo servo e merzé le chiamo.
— Non ti vai? — Non. — Dunqu’è ella salvaggia?
— Non è. — Che è? — Non la fere ancor l’amo.
8— Dove? — Al core. — S’è d’amor loco, assaggia.
— Varrámi? — Si bene. — Omè, troppo tarda!
— Non tarda. — Non? — Chéd ell’è giá ripresa.
11— Di cui? — Di te. — Altro ’l mio cor non guarda.
— Ricco se’? — Come? — Per far lung’attesa.
— Ché, no! — La bella? — Prima vuol ch’io arda.
14— Non vuol. — Come ’l sai? — Non fa piú difesa. —