Contessa è tanto bella e saggia e cónta

Iacopo da Leona

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Contessa è tanto bella e saggia e cónta Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Amor m'auzide— Perché?—Per ch'io amo Madonna, di voi piango e mi lamento
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta II. Ser Iacopo da Leona
[p. 32 modifica]

III

In lode di madonna Contessa.

Contessa è tanto bella e saggia e cónta,
eh io non lo saveria contare in conto;
contenenz’ha piú gaia, che si conta,
4ed è accontata di ciascun om cónto.
Lo suo bel contenemento si conta
per li cónti e boni, che sanno conto:
ché pur de’ cónti e de’ valenti è cónta,
8e d’altri, che contati, non ha conto.
La contezza e ’l piacer, ch’ella contène,
fa meglio contener lo piú contato
11e li fa far piú cónta contenenza.
Contento a lei servir sta chi contène:
contar lo vi savria tal, c’ha contato,
14ca per lei sola contèn contenenza.