Apri il menu principale

Allor ch'io ti guidai ne' tuoi verd'anni

Domenico Lazzarini

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Allor ch’io ti guidai ne’ tuoi verd’anni Intestazione 19 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Domenico Lazzarini


[p. 216 modifica]

IV1


Allor ch’io ti guidai ne’ tuoi verd’anni,
     Garzon, che il Sile, e più te stesso onori,
     Nel sacro monte, e ti mostrai gli allori
     Che fanno a Morte i più securi inganni:
5Vidi ben io che dispiegati i vanni
     Del pronto ingegno a luoghi erti e migliori
     Poggiavi, depredando i più bei fiori,

[p. 217 modifica]

     Premio e ristoro de’ ben posti affanni:
Ed or me che ti fui secura scorta
     10Indietro lasci, e quel degli Avi tuoi2
     Che a miglior tempo arse e cantò d’amore.
Felice te, che nell’età immatura
     Co’ Cigni or della Grecia andarten puoi,
     Or dell’Italia al più pregiato onore.


Note

  1. Nel dottorato in Leggi di Francesco Bemaglia Trivigiano.
  2. Gio: Antonio Benaglia leggiadro poeta nel secolo di Leon X.