Apri il menu principale

Alfin col teschio d'atro sangue intriso

Giambattista Felice Zappi

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 15 luglio 2018 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 3 modifica]

VI.1


Alfin col teschio d’atro sangue intriso
     Tornò la gran Giuditta, e ognun dicea:
     Viva l’Eroe: nulla di Donna avea
     Fuorchè il tessuto inganno, e ’l vago viso.
Corser le Verginelle al lieto avviso;
     Chi ’l piè, ch’il manto di baciar godea,
     La destra nò, ch’ognun di lei temea
     Per la memoria di quel mostro ucciso.
Cento Profeti alla gran Donna intorno
     Andrà, dicean, chiara di te memoria,
     Finchè il sol porti, e ovunque porti il giorno.
Forte Ella fu nell’immortal vittoria:
     Ma fu più forte allor che fe’ ritorno:
     Stavasi tutta umìle in tanta gloria.

Note

  1. Per un Oratorio dell’Eminentissimo Ottoboni, intitolato la Giuditta.