A le prove

Giuseppe Gioachino Belli

1831 Indice:Sonetti romaneschi VI.djvu sonetti letteratura A le prove Intestazione 2 novembre 2022 25% Da definire

Er punto d'onore Chi s'impicca se spicca
Questo testo fa parte della raccolta Sonetti romaneschi/Sonetti dal 1828 al 1847
[p. 101 modifica]

A LE PROVE

     Ecco ch’edè:1 vô êsse2 solo er Marro3
A ccugnà4 le patacche a la tu’5 zecca:
Pe’ cquesto te viè a ddì,6 llinguaccia secca!,7
Che, cquanno sparo io, raro sc’ingarro.8

     De che?!9 la mi’ pistola nun fa ccecca,10
Sibbè cche ffussi11 caricata a ffarro.
Eppoi, Tuta,12 viè cquà,13 ffâmo14 un bazzarro,
E ssi15 nun cojjo16 a tté ddàmme la pecca.17

     È Vvero c’a sto monno in centomila
Nun c’è ggnisuno che ppô ffàsse18 bbravo,
Ché sse19 ponno crepà mmanico e ppila.

     Però ssi20 ll’anni addietro io me cavavo
uN ott’o ddiesci gustarelli in fila,
Pe’ ddodisci oggi puro21 me
li cavo.

Roma, 23 novembre 1831.


Note

  1. Che è, cos’è.
  2. Vuol essere.
  3. Il marro, nome che si dà alla parte più rozza e risoluta del popolo.
  4. Coniare.
  5. Tua.
  6. Ti viene a dire.
  7. Malédica.
  8. Ingannare, dar nel segno.
  9. Come?!
  10. Far cecca: fallire.
  11. Benchè fosse.
  12. Gertrude.
  13. Vieni qua.
  14. Facciamo.
  15. Se.
  16. Còjjo: colpisco.
  17. Dar la pecca, trovar la pecca: criticare.
  18. Può farsi.
  19. Si.
  20. Se.
  21. Pure.