A fin di corsa

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti A fin di corsa Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Qualunque rosa ancora Omero
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 210 modifica]

LXX

A FIN DI CORSO

Sotto il velo dell’aria e della terra,
dov’c in travaglio l’anima infinita,
coi di del tempo e con la morte in guerra
grandeggia il sogno della nostra vita.
E resta, a fin di corso, una romita
croce e la gleba angusta che ci serra;
e chi sa poi, se, questa via fornita,
comincia un’altra che non torce ed erra?
chi sa, se, con desio di ghermir tutto,
ghermirem l’ombre, e senz’ingiuria o lode
anche il vano mio spirto andrá sepolto?
M i, se i padri cibar lo amaro frutto,
tu, Croce santa, che mi sei custode,
rendimi ciò che i padri miei m’han tolto.