Apri il menu principale

Vidi sul Tebro duo fanciulli armati

Francesco Domenico Clementi

V Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 7 settembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Domenico Clementi


[p. 118 modifica]

XII1


Vidi sul Tebro duo fanciulli armati
     Ambo d’arco, di face e di quadrella:
     Bianco vel gli occhi a questo avea bendati,
     Quello gli aprìa qual doppia fiamma, o stella:
5E in un gli archi, e i pensier tenean drizzati
     Verso il seno d’illustre alma Donzella;
     Quando il Garzon, che i lumi avea svelati
     Pria l’arco tese, e pria ferì la Bella.
Tese il suo l’altro ancora, e tosto uscìo
     10Lo stral, ma non sortì pari l’onore;
     Ch’in mezzo al volo un non so chi ’l rapìo.
Uno il divin, l’altro, il profano Amore,
     L’occulta mano era la man di Dio;
     E il segno eletto di Teresa il cuore.

Note

  1. A Santa Teresa.