Veduto ho già che ciascuno è in assetto

Bindo Bonichi

XIV secolo Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Veduto ho già che ciascuno è in assetto Intestazione 3 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Bindo Bonichi


[p. 147 modifica]

     Veduto ho già che ciascuno è in assetto
Di far tutto quel mal che far si possa:
Ed, a veder s’alcun di pasta grossa
Tien altro stil che quel ch’è già predetto,
5     Del suo mestier s’intenda quel ch’è detto;
Onde la quistïon è quasi mossa.
Tutti ne vanno insieme nella fossa:
Quel ch’è senz’arte non riman sul letto.

[p. 148 modifica]

     Ma solamente ci resta il barbiere,
10Che rade, e ’l suo rasoi’ per gola frega,
E fa con gran salvezza il suo mestiere;
     Porrìa segar le vene, e non le sega;
Prende quel che gli dan, nïente chiede:
Non è però il suo ôr di miglior lega.