Tre libri dell'educatione christiana dei figliuoli/Libro II/Capitolo 59

Libro II - Capitolo 59

../Capitolo 58 ../Capitolo 60 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% cristianesimo

Libro II - Capitolo 58 Libro II - Capitolo 60


DEL MODO DI ANDARE ALLA CHIESA, ET DELLA MISERICORDIA VERSO I POVERI.

Avvezzisi il fanciullo per buona disciplina paterna, ad aspettare il giorno di Domenica con un certo desiderio, et gusto christiano per andare al Tempio, et presentarsi, innanzi a Dio Signor, padre, creatore et redentor nostro, et dal quale habbiamo, et aspettiamo ogni bene, et quindi poi avverrà che il fanciullino istesso, bene allevato, prevenirà tal volta il padre, et la madre, invitando egli il primo ad andare alla Chiesa. Et quello che si usa per urbanità, di vestirsi de i migliori vestimenti il giorno festivo, si deve convertire per gloria di Dio, avanti ilquale debbiamo comparire co’l cuore mondo principalmente, ma anchora con l’habito esteriore composti, et senza sordidezza, guardandoci però dallo eccesso della vanità, massime nelle figliuole femine, di che forse si ragionarà in più commodo luogo. Venuto adunque il giorno della Domenica, dopo alquanto di oratione, et preparatione in casa, fatto riverenza alla imagine del Salvatore, et della Madonna, presa la benedittione materna, et segnandosi co’l segno santo della Croce, esca il figliuolino condotto dal caro padre alla Chiesa. Et perche alle porte delle Chiese sogliono stare ciechi, storpiati, et altri bisognosi, a chieder limosina, doverà il padre già molte volte prima haver instrutto il figliuolo, che tutti siamo poveri, et bisognosi della gratia di Dio, onde andiamo al tempio per supplicarlo che apra la mano della sua immensa liberalità, et soccorra alle necessità nostre spirituali, et corporali. Ma se vogliamo mover Iddio a compassione verso di noi, coviene che anchora noi siamo compassionevoli verso il prossimo nostro, ilche dovendosi far sempre, è giusto che spetialmente si faccia quando andiamo a dimandar aiuto, et misericordia da Dio, nella casa sua, della quale i poveri sono come portinari, che ci aprono la prima entrata, et quell’affetto di pietà che usaremo con loro, ritrovaremo da Dio, percioche è scritto, Beati i misericordiosi, perche anchor essi conseguiranno misericordia. Hor io so bene che un piccolo fanciullo, non è cosi presto capace di queste, et altre si fatte cose, le quali si dicono per instruttione del padre, acciò poi egli le insegni al figliuolo quando di mano in mano vedrà in lui maggior capacità, et dispositione. Ma in tanto conviene assuefarlo molto per tempo alla compassione verso i poveri, et à dar loro volentieri elemosina, il che non sarà difficile, vedendo l’esempio del padre, et invitato da lui con dolci parole a cosi fare, prendi figliuolo, et da questa elemosina al povero, vedi, in lui habita Christo, Christo è quello che stende la mano, et te la renderà abondantissima in cielo, anchor noi riceviamo ogni giorno grande elemosina da Dio, et altri simili concetti, che lo Spirito di Dio somministra, et ogni giorno si odono da i santi predicatori, et ne sono pieni tutti i libri. Concludiamo in una parola, che lo aspetto miserabile de i poveri, allo entrar della Chiesa, apporta non mediocre materia di instruttione, et di christiana educatione. Entrando poi nella Chiesa ha da procurare il padre, che il fanciullo servi una certa gravità, et modestia, et con un certo raccoglimento, et timor santo, riconosca la veneratione di quel luogo; guardisi adunque il padre di non ci entrare egli ridendo, o parlando alto, come tal’hor si suole, ò guardando quà, et là, anzi se pur per via fosse andato alquanto distratto, subito nello ingresso della Chiesa si raccolga, et mostri in se stesso una compositione, che mova il figliuolo ad imitarla; che se entrando nella camera dove è il principe, si sente non so che di spavento, et si sente altrui tutto commovere a riverenza, quanto più debbiamo vestirci di questi affetti, entrando nella casa del sommo Re della gloria? Giovarà anchora per moversi interiormente à questo spirito di riverenza, proferir nell’ingresso del tempio, con sommessa voce, alcun versetto de i salmi, come per esempio quello che dice: Domum tuam Domine decet sanctitudo, Signor nella casa vostra si deve star con santità, et rispetto, et quell’altro, Domine in multitudine misericordiae tuae, introibo in domum tuam adorabo ad templum sanctum tuum in timore tuo, cioè Iddio mio le cui misericordie sono innumaerabili, io entrarò nella casa vostra pieno di timor religioso, et filiale per adorarvi, et altri simili.