Tre cose solamente mi so' in grado

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Tre cose solamente mi so' in grado Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
S'i' fosse foco, arderei 'l mondo Qual è senza danar innamorato
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 112 modifica]

XCIX

I suoi gusti restano insoddisfatti per colpa dell’avarizia paterna.

Tre cose solamente mi so’ in grado,
le quali posso non ben ben fornire:
ciò è la donna, la taverna e ’l dado;
4queste mi fanno ’l cuor lieto sentire.
Ma si me le convèn usar di rado,
ché la mie borsa mi mett’al mentire;
e, quando mi sovvien, tutto mi sbrado,
8ch’i’ perdo per moneta ’l mie disire.
E dico: — Dato li sia d’una lancia! —
Ciò a mi’ padre, che mi tien si magro,
11che tornare’ senza logro di Francia.
Trarl’un denai’ di man seria piú agro,
la man di pasqua, che si dá la mancia,
14che far pigliar la gru ad un bozzagro!