Storie incredibili/Allo scultore Costantino Corti

../Ad una morta

Silenzio IncludiIntestazione 2 dicembre 2016 100% Da definire

Edgar Allan Poe - Storie incredibili (1840)
Traduzione dall'inglese di Baccio Emanuele Maineri (1869)
Allo scultore Costantino Corti
Ad una morta Silenzio
[p. 101 modifica]

Allo scultore Costantino Corti



             Carissimo,

Intitolo il Silenzio del Poe all'autore del Lucifero.

Tu, amico, con quest’opra mirabile del tuo scalpello affermasti, a mio avviso, l’epopea della Rivoluzione. Ma, più che Spartaco, Lucifero è l’umanità intiera, che levasi a signoria di sè; concitamento, rabbia, disfida ne ostentano la indomita coscienza: Capanèo, la impotenza delira; Lucifero, la forza del dritto — il Prometeo della favola che si trasforma nel Prometeo della fede nuova!

Hai fatto opra degna delle grandi tradizioni del Canova. [p. 102 modifica]

Il Silenzio, artisticamente, par quasi un’antitesi, ne’ limiti angusti d'una scena locale; in esso, il desolamento solenne, l’animazione convulsa e il letale riposo della natura stanca. — Dal masso il tuo Lucifero lancia la sua disfida; dal masso lo incognito, avvolto solennemente nella toga della antica Roma, arriccia di paura e fugge dinanzi al Silenzio, ch’è immagine della Morte. — Racconto degno del Demonio che lo fa, e del poeta che finge d'ascoltarlo.

E tu accogli questa poesia, proprio degna d’artista; e, rammentando l’amico, vivi e cresci all’onore dell’arte italiana.



B. E. MAINERI.