Apri il menu principale

Stassi di Cipro in su la piaggia amena

Giambattista Felice Zappi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 15 luglio 2018 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 10 modifica]

XXI.


Stassi di Cipro in su la piaggia amena
     Un’alta Reggia, dov’Amor risiede:
     Colà mi spinsi, e di quel Nume al piede
     Presentai carta d’umiltà ripiena.
5Sire (il foglio dicea) Tirsi, che in pena
     Servìo finor, la libertà ti chiede;
     Nè crede orgoglio il dimandar mercede,
     Dopo sei lustri di servil catena.
La carta ei prese, e in essa il volto affisse;
     10Ma legger non potea, ch’egli era cieco,
     E conobbe il suo scorno e se ne afflisse.

[p. 11 modifica]

Indi con atto disdegnoso e bieco
     Gittommi in faccia lo mio scritto, e disse:
     Dallo alla Morte: ella ne parli meco.