Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia"

Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia
di quella che sorpreso hame lo core?
ché la cosa ch'altruich’altrui par venen sia
{{R|4}}è sola medicina al meo dolore,
cioè l'amorl’amor, ch'ognich’ogni om ch'elch’el signoria
guaimenta e dice che per lui si more,
e pur se pena di trovare via
Ed eo pur peno di condurlo a mene
e di venir de sua corte servente
{{R|11}}perché disio ciò più ch'altroch’altro bene.
Ma pur languisco, lasso, e mor'mor’ sovente,
dapoi ch'elloch’ello di me cura non tene:
{{R|14}}adonque guarrea me l'altruil’altrui nocente.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi