Differenze tra le versioni di "Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/345"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
«- 345 —
 
  +
E questo basti per una general notizia della nostra GitSacra
+
E questo basti per una general notizia della nostra {{Pt|Cit-|}}
Famiglia alla Sanità.
+
<br />{{spazi|10}}Sacra Famiglia alla Sanità.
Spirito Santo.
 
  +
<br />{{spazi|10}}Spirito Santo.<br />
Fatta una più esatta rassegna de’ Conservatorii e de’ Ritiri, ab=
 
biam trovato che il loro numero ascende a 65 riportati di sopra.
+
{{spazi|3}}Fatta una più esatta rassegna de’ Conservatorii e de’ Ritiri, abbiam trovato che il loro numero ascende a 65 riportati di sopra.<br />
Ci resta a dir qualche cosa sulle feste in generale di doppio precetto,
+
{{spazi|3}}Ci resta a dir qualche cosa sulle feste in generale di doppio precetto, e delle modifiche posteriori.<br />
  +
{{spazi|3}}''Con Breve Apostolico di Papa Pio VII del dì'' ''aprile'' 1818, Comunicato con ''Ministeriale del dì'' 29 ''detto mese ed anno'' ad oggetto di conciliarsi gli spirituali vantaggi de’ popoli con i loro temporali bisogni, analogamente alle circostanze de’ tempi e de’ luoghi;
e delle modifiche posteriori.
 
 
nonchè per secondarsi le istanze ed i voti dell’illustre Re delle due
Con Breve Apostolico di Pjpa Pio VII del dì aprile 1818,Comunicato
 
  +
Sicilie, Ferdinando, intesi ad ottener in grazia ''della calamità dei tempi e delle necessità de’ suoi sudditi'' dalla Apostolica Autorità un Indulto, col quale fossero essi interamente sciolti dal ''precetto'' di alcuni giorni festivi (soprammodo col volger degli anni insensibilmente accresciuti), ''affinchè potessero con più agio attendere a’ lavori ed alle opere servili'', fu all’uopo in generale statuito:<br />
con Ministeriale del dì 29 detto mese ed anno ad oggetto
 
 
{{spazi|3}}Che oltre a tutte le Domeniche dell’anno si ritenesse l’osservanza
di conciliarsi gli spirituali vantaggi de’ popoli con i loro temporali
 
 
delle seguenti ''feste:'' cioè:<br />
bisogni, analogamente alle circostanze de’ tempi e de’luoghij
 
 
{{spazi|3}}1° Il giorno della ''Circoncisione del Nostro Signore Gesù Cristo''.<br />
nonché per secondarsi le istanze ed i voti dell’illustre Re delle due
 
 
{{spazi|3}}2° Della ''Epifania del Signore''.<br />
Sicilie, Ferdinando, intesi ad ottener in grazia della calamità dei
 
 
{{spazi|3}}3° ''Della Purificazione della Beatissima Vergine Maria''.<br />
tempi e delle necessità de"" suoi sudditi dalla Apostolica Autorità un
 
 
{{spazi|3}}4° ''Dell’Annunziazione della stessa Beatissima Vergine''.
Indulto, col quale fossero essi interamente sciolti dù precetto di
 
alcuni giorni festivi ( soprammodo col volger degli anni insensibilmente
 
accresciuti ), affinchè potessero con più agio attendere a’ lavori
 
ed alle opere servili, fu all’uopo in generale statuito:
 
Che oltre a tutte le Domeniche dell’anno si ritenesse l’osservanza
 
delle seguenti feste: cioè: ^
 
Il giorno della Circoncisione del Nostro Signore Gesù Cristo»
 
2 Della Epifania del Signore.
 
3«Della Purificazione della Beatissima Vergine Maria^
 
40 Dell’Annunziazione della stessa Beatissima Vergine,
 
 
5» Del Patriarca S, Giuseppe»
 
5» Del Patriarca S, Giuseppe»
 
C* Dell’Ascensione del Signore al Cielo,
 
C* Dell’Ascensione del Signore al Cielo,
31 230

contributi