Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Mante stagione veggio"

c'era il testo di un'altra poesia!!!
m (Bot: creazione area dati)
(c'era il testo di un'altra poesia!!!)
 
<poem>
Mante stagione veggio
Tuttor, s’eo veglio o dormo,
che l’omo è, senza colpa,
de lei pensar non campo,
miso a dispregio grande;
ch’amore ’n cor m’attacca;
e tal, che colpa pande,
e quel voler ho d’or, mo,
{{R|5}}comne diva zapparesì, ’nch’om campo,non colpa.
En ciascun caso eo seggio;
o di credere a tacca;
ch’omo gran pregio damme,
e ben sapemi, como
dicendome che tegno
eo n’acquistasse ch’omo.
ciò ch’eo non ho né ’nvegno
{{R|10}}Ma che deritto n’ho?
{{R|10}}in parte; anco non pensa
Perch’eo non dico no
che ’n parte u’ el dispensa,
de lei servir mai dì:
lì i’ vo, e bon samme.
dica chi vol: mal di’.
Ma certo eo lo me tollo
Bon ho deritto, so; ma
ad aventura troppo,
{{R|15}}se ’n amar lei m’adduco
{{R|15}}per che gran ben mel credo;
del cor tutto e de l’alma,
ch’el non verrà ver fredo
perch’è di valor somma,
senza tener fior stroppo,
eh, che piacere duco!
de veritate sollo.
Dat’ho amor de l’alma,
E l’om tenuto falso,
{{R|20}}che più m’ha, ma’ che sé.
{{R|20}}poi approvato è giusto,
Ciò dia saver; ché, se
torsi n’hon’ha suobon pregio magno,tosto;
ché qual de lui poi dice
per me onta magn’ho;
cosa che li mesdice,
che sì ben m’ami, a dobbio
dicei l’om: non se’ salso.
{{R|25}}me’ al cert’è, che dobbi’ho.
{{R|25}} Poi ch’omo lo so penso
Om che pregio ama e po,
trova de van giudicio,
più che lègger en scola,
sì non crede se stesso,
amor valeli pro;
se ben vederà spesso
ché più leggero è Po
ciò ch’ha ’n credere officio:
{{R|30}}a passar senza scola,
{{R|30}}sì me so’ ben despenso!
che lo mondo ad om pro
E ciascun ch’amar vole,
senz’amore, che dà
tegna altrui in tal gabbo,
core e bisogno, da
com’eo faccio e fatt’abbo:
sprovar valore e forzo;
che la ’ve amo ho ’n vista
{{R|35}}perché alcun om, for zo,
{{R|35}}ch’eo mai facciali vista,
che briga o travaglio agia,
ni cosa ch’om far sole.
se val, non varrea già.
Ma ’n altra parte fo
Amor già per la gioia
d’amor sembranza e modo,
che ’nde vegna, non laudo,
ove non sento pro;
{{R|40}}quanto per lo travaglio.
{{R|40}}e se ciascuno tro
Ché per aver la gioia
ch’altr’a stagion mi modo,
ch’è tal, sua par no l’audo,
vernon so ch’eo varrea,faccia o travaglio,fo;
or mi piace ch’om creda
s’eo la tenesse ad agio
ch’eo pur ad arte parli:
{{R|45}}bene sempre a meo agio:
{{R|45}}ch’eo non dico per farli
poi tutte gioi l’om ha,
lasciar né tener fermo
varrea, non vale oma’:
ciò che pensa; ché sermo
terrà ’l grand’agio vile,
non mende tolle ’n preda.
perché tal gioi’ mal vil è.
Bono certo mi sape
{{R|50}} Poso e travaglio mesto,
{{R|50}}che ciascun noccia me
dato e tolto a bon modo,
quanto pote, ver ciò:
sempre ’n piacere è me;
ché, per mia fe, pro’ ci ho,
e de ciascun me sto
perché coverto ho me:
sì bonamente a modo,
unde, se grazia cape
{{R|55}}che gran pagament’è ’n me.
{{R|55}}far ver de tal servigio,
E val, sembrame, meglio,
volonter loro folla!
quanto riso ver meglio,
Or pur non prendan molla
sperar, ch’aver d’amica;
de far lor vita croia
ché poi n’ha, no ’nd’ha mica,
e de parlar de noia
{{R|60}}ver che sperava averne;
{{R|60}}e d’acquistar desprigio.
e de gran state a vern’è.
Prenda la mia parola
Scuro saccio che par lo
ciascun sì como vole;
meo detto; ma che parlo
ché, di ciò ch’esser sole,
a chi s’entend’a me;
eo per lor non mi stanco,
{{R|65}}ché lo ’ngegno mio dà me
{{R|65}}che non mi posson manco
che me pur prove ’n onne
far d’una cosa sola.
manera, e talent’honne.
Move, canzone, adessa,
e va en Arezzo ad essa,
{{R|70}}da cui eo tegno ed ho
se ’n alcun ben me do;
e di che presto so
de tornar, se vol, so.
</poem>