Solo, se non che meco è il mio dolore

Antonio Zampieri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Solo, se non che meco è il mio dolore Intestazione 27 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Zampieri


[p. 420 modifica]

XII


Solo, se non che meco è il mio dolore,
     Che i tristi giorni miei conduce a sera,
     Io della mente entro segreto orrore
     Mi chiudo, e intorno ho dè pensier la schiera.
5E in quel silenzio io chiedo loro: il cuore
     Avrà mai tregua, se non pace intera?
     Temprerà mai l’innato aspro rigore
     Quella nostra, e d’Amor Nimica altera?
Vano pensiero, allora, e pien d’inganno,
     10Che lusingando or da me parte, or riede,
     Dice: Sì ch’avrà fine il duro affanno.
Gli altri ascolto gridar: Folle ch’il crede.
     Il veggio anch’io: ma cieco al proprio danno,
     Godo ingannarmi, e al rio pensier dò fede.