Sí come 'l pescio al lasso

(Reindirizzamento da Si come 'l pescio al lasso)
Leonardo della Guallacca

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Si come ’l pescio al lasso Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 139 modifica]

II

LEONARDO DEL GUALLACCA

A GALLO

Brutti lacci quelli d'Amore, e quanti affanni esso procura!

Sí come ’l pescio al lasso,
ch’è preso a falsa parte,
son quei ch’a amor s’adanno;
peggior gittan che l’asso.
5Salamon, che sepp’arte,
disse lo mal ched’hanno.
Al suo senno m’aservo:
con amor non conservo,
che fe’ fallir Daviso,
10lo profeta piagente;
pogo no ’n fo piangente
fora di paradiso.
Se lo scritto non mente,
per femmina treccerà
15si fo Merlin deriso;
e Sanson malamente
tradii una leccera;
Troia strusse Pariso
per Aléna pargola,
20si che mai non par gola;

[p. 140 modifica]

si la Strusse la miro.
Quando d’Eva mi membra,
null’altr’al cor mi membra:
di lor opre mi smiro.
25Chi vói da lor campare,
tagli la lor paròma,
eh ’è piena di falsia.
Mentre che pòn trappare,
allor dicen ch’a Roma
30creden vogar van sia.
Ed io però lassòle;
ciascuna è tal qual sòie,
d’esto senno no spunto,
né non me ne rimuto
35né ’n versi ne rimuto;
sempre piò ci propunto.
Chi s’innamora in fallo,
odit’ho in saggia parte,
mant’ha di male palpe.
40Chi bon senn’ha, rifallo,
e chi ben si comparte,
vive come ’n mar salpe.
Foli’ è chi quivi serra;
chi saghe ’n alta serra
’45 uop’è ch’abasso smonte;
cui amor fíer, mal colpa,
tanto vai eh ’a me scolpa
amor, e guai ehi amonte.
La chiar’aire fu scura
50a Gillo e Fioresmondo;
lo lor detto fals’aggio:
e chi vi s’asieura,
guardin a quei ch’ai mondo
ne dan d’amor lo saggio.
55Serventese, a dir esto
va’, che per serv’i’ resto

[p. 141 modifica]

piò puro ch’oro matto,
a quei e’ ha nom di Gallo;
se Dio di mal tragàllo,
60non crea a vista né ad atto.
Qual om è d’amor preso,
arivat’è a mai porto,
alor non è in sua bàglia.
Dal tersolett’ho apreso,
65a sua guisa mi porto.
S’alcuna mi si bàglia,
prendo del su’ mistero
quello che m’è mistero,
e per altro non l’amo;
70per vista che me faccia,
né per beltà di faccia,
piò non abocco a l’amo.